Con un processo di tecnologia innovativa e sostenibile il Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai “respira” in modo naturale. In che modo? Con un impianto di coltivazione di alga Spirulina. Siamo andati sul posto e ne abbiamo parlato con il team che ha realizzato il progetto unico all’esposizione universale.

Per tutta la durata del semestre espositivo, l’anidride carbonica prodotta dal respiro dei visitatori del Padiglione Italia a Expo Dubai 2020, sarà trasformata in ossigeno, grazie alle microalghe. La tecnologia italiana, innovativa e sostenibile, sviluppata da TOLO Green, società che opera nel campo dell’energia rinnovabile e nel settore delle microalghe e partner tecnico del Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai, consiste nell’installazione di cinque grandi vasche, attorno al Belvedere del Padiglione, dove si coltiva l’alga Spirulina.

I visitatori durante il loro percorso emanano il respiro ricco di anidride carbonica che viene aspirato nelle colture delle vasche dove l’alga spirulina, nutrendosi di CO2 del respiro dei visitatori, emette ossigeno…